Written by APE Genova

Scadenza IMU, un po’ di numeri

Nella giornata in cui scade il termine per versare la prima rata dell’IMU, Confedilizia diffonde alcuni dati sull’imposta e sulle sue conseguenze.

“Noi ci siamo appellati a tutti i Comuni Liguri – dice il presidente di Ape Confedilizia Vincenzo Nasini – chiedendo il rinvio del pagamento. Le amministrazioni che non hanno accolto l’appello si preparino: i conti non torneranno. E non si tratterà di evasione fiscale”.

  • Il gettito annuale dell’IMU è pari a circa 22 miliardi di euro. Il 16 giugno deve essere versata la metà dell’importo dovuto.
  • Nel 2020, considerando anche la seconda rata da pagare il 16 dicembre, il peso della patrimoniale sugli immobili raggiungerà – dal 2012, anno della sua istituzione con la manovra Monti – la cifra di 205 miliardi di euro.
  • L’IMU è dovuta persino per gli immobili inagibili e inabitabili, sia pure con base imponibile ridotta alla metà. Eliminare – simbolicamente – questa forma di tassazione particolarmente odiosa costerebbe solo 57 milioni di euro.
  • Tra il 2011 e il 2018 (ultimi dati disponibili), gli immobili ridotti alla condizione di ruderi (c.d. immobili collabenti) sono raddoppiati, passando da 278.121 a 548.148 (+ 97 per cento). Si tratta di immobili, appartenenti per il 90% a persone fisiche, che raggiungono condizioni di fatiscenza per il semplice trascorrere del tempo o, addirittura, per effetto di atti concreti dei proprietari finalizzati ad evitare almeno il pagamento dell’IMU.
  • Secondo l’Istat, tra il 2010 e il 2019 i prezzi delle case sono diminuiti di quasi il 25 per cento, unica eccezione nell’ambito dei Paesi europei, tutti con prezzi in crescita. Peraltro, in molte zone d’Italia si registrano diminuzioni superiori e non si contano i casi di valori azzerati per effetto dell’assenza di acquirenti. Si tratta di una contrazione del risparmio privato stimabile in almeno 1.300 miliardi di euro.
  • Se si tiene in considerazione la caduta dei prezzi stimata dall’Istat, può affermarsi che si sia creato un gettito occulto – dovuto alla mancata rivalutazione (al ribasso) della base imponibile dell’IMU – pari ad oltre 48 miliardi di euro nel periodo 2012-2020. Una riduzione del 30 per cento dell’IMU porterebbe a recuperare una somma quasi equivalente al gettito occulto annuale dell’imposta.

 

In occasione dell’ultima manovra, Confedilizia aveva proposto di iniziare a eliminare l’IMU – come primo segnale di attenzione – nei soli Comuni con popolazione inferiore a 3.000 abitanti, che sono sovente borghi abbandonati in cui gli immobili rappresentano meri costi. L’onere sarebbe di appena 850 milioni di euro.

Written by APE Genova

Il Secolo XIX 11/06/2020: Imu, niente rinvio per l’acconto sulla tassa. Confedilizia: «No alle multe per chi ritarda»

L’appuntamento con le tasse locali, a dispetto del coronavirus, arriva puntuale.
A favore del rinvio dell’acconto Imu prende posizione l’Ape Confedilizia. «In alternativa – dice il presidente provinciale, Vincenzo Nasini – si dovrebbe stabilire che, in caso di versamento successivo all’ordinaria scadenza, non si applichino sanzioni e interessi». Il Comune, spiega l’assessore al Bilancio Pietro Piciocchi, non ha la possibilità di prorogare.

Written by APE Genova

Genova24.it 11/06/2020: Confedilizia chiede al Comune di Genova il termine per il pagamento dell’Imu

In questo periodo per i proprietari vengono meno i redditi da affitto e da lavoro.

Genova. Rinviare il termine per il pagamento della prima rata dell’Imu, previsto per martedì 16 giugno, oppure stabilire che, in caso di versamento successivo all’ordinaria scadenza, non si applichino sanzioni e interessi. In un periodo di eccezionale crisi come questo le fonti di entrata sono a rischio. Gli affitti, specie quelli dei locali commerciali (negozi, ristoranti ecc.), in molti casi non vengono pagati. I redditi da lavoro, dal canto loro, sono venuti spesso a mancare o ad essere fortemente ridotti.

Un analogo articolo è uscito su Liguria BizJournal.it

Written by APE Genova

Sportello Coronavirus anche per Ape Confedilizia Genova:

tutto quel che c’è da sapere per affrontare il dopo pandemia

Tutte le associazioni territoriali di Confedilizia sono a disposizione per ogni assistenza e consulenza in relazione ai vari problemi che si stanno presentando (in materia locatizia, condominiale, fiscale ecc.) come conseguenze dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Coronavirus e alle misure dirette al contenimento del virus. Compresa quella Ape-Confedilizia Genova; la sede di Via XX Settembre 41 dal prossimo 3 giugno aprirà su appuntamento (telefono 010/565768), ma tutti i servizi rimangono attivi e pronti a dare ogni risposta legata ai tanti temi emersi in questi mesi: si può telefonare dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13, ai numeri 365274585, 3466239198 o scrivere all’indirizzo e-mail apege@apegeconfedilizia.org.

A disposizione anche il profilo Facebook, che aggiorna anche rispetto alle trasmissioni tv e social dedicate ai temi della proprietà immobiliare. Le questioni che si pongono riguardano, per esempio, le locazioni commerciali (per le quali si profilano difficoltà sia per i contratti per immobili destinati all’esercizio delle attività delle quali è stata imposta la chiusura sia per i contratti relativi agli uffici e agli altri locali non abitativi) e quelle abitative (comprese le locazioni per gli studenti universitari, che – con la sospensione dell’attività didattica “in presenza” – danno luogo a molti problemi, e quelle turistiche). Quanto alla materia locatizia Ape Confedilizia fornisce informazioni, consigli e assistenza ai proprietari, mettendo a disposizione degli interessati i modelli e il materiale (bozze di convenzione, bozze di lettere, modelli di contratto ecc.) di cui potrà essere fatto uso nelle diverse situazioni sulla base delle indicazioni date dall’Associazione. Quanto alla materia condominiale, ci si può rivolgere alla propria sede territoriale per avere informazioni e consigli sia agli amministratori di condominio sia ai condòmini in relazione alle questioni che l’emergenza pone soprattutto sul piano dell’operatività nel condominio (questioni che emergono anche in relazione alle difficoltà di convocazione e di svolgimento delle assemblee).

Written by APE Genova

CONFEDILIZIA: le linee guida per le assemblee di condominio a Genova e in provincia.

Anche a Genova e Provincia ci si interroga sulla necessità di ripristinare le assemblee di condominio, soprattutto tenendo conto, come spiega il presidente di Ape Confedilizia Vincenzo Nasini che «Bisogna consentire la ripresa  e approvare i nuovi superbonus per gli immobili, che è una misura importante. Convincente, in particolare, è la scelta di garantire un’estrema flessibilità attraverso lo strumento del credito di imposta liberamente cedibile. In ogni caso per  fruire delle agevolazioni fiscali in scadenza alla fine dell’anno come il bonus facciate, occorre indire le assemblee». Partendo da queste considerazioni, in vista della ripresa delle assemblee condominiali, Confedilizia ha predisposto apposite linee guida che disciplinano la partecipazione alle riunioni nel rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza sanitaria in atto.

Nelle linee guida si precisa che l’amministratore dovrà individuare un locale (o anche un’area esterna coperta o anche non coperta) ove – tenuto conto della necessità del rigoroso rispetto della distanza minima di sicurezza tra tutti i presenti – possa avere svolgimento l’assemblea.

«Tale luogo dovrà essere dotato di un numero di sedie idoneo a consentire a tutti i partecipanti di presenziare seduti a distanza di sicurezza e dovrà essere stato preventivamente pulito ed igienizzato. All’ingresso dovranno essere, inoltre, resi disponibili liquidi igienizzanti. Le linee guida di Confedilizia specificano anche che l’accesso al luogo dell’assemblea dovrà avvenire in forma individuale e in modo tale da evitare ogni “assembramento».

A tal fine dovranno essere utilizzati, ove presenti, più ingressi, eventualmente distinguendo quelli riservati all’entrata e quelli riservati all’uscita. I partecipanti saranno tenuti, altresì, a indossare le mascherine e i guanti monouso. E solo con tali guanti si potrà toccare l’eventuale documentazione che venisse esibita o comunque posta a disposizione dei presenti. Particolare attenzione, infine, viene dedicata agli aspetti informativi. Da un lato, si prevede che dovrà essere cura dell’amministratore rendere noti a tutti i condòmini i contenuti delle linee guida, allegandole all’avviso di convocazione dell’assemblea. Da un altro lato, si dispone che all’ingresso del luogo in cui avrà svolgimento l’assemblea dovrà esserne affissa una copia con avvertenza della necessità del rispetto delle prescrizioni in esse contenute.

Tutti i temi relativi a superbonus e assemblee saranno trattati nella diretta youtube e social (profilo Facebook di Confedilizia) giovedì 21 maggio dalle 15 alle 17.

1 2 3 28

L'Associazione della Proprietà Edilizia di Genova riceve solo su appuntamento.
Per prenotazioni o richieste telefonare al 3466239198 dalle ore 9 alle ore 13, oppure tramite mail a apege@apegeconfedilizia.org

Ricordiamo inoltre che da Lunedì 10 agosto a venerdì 28 agosto saremo chiusi per ferie.

Vi ringraziamo per la collaborazione.