Written by APE Genova

Introduzione della cedolare sulle locazioni commerciali

E’ stato confermato l’impegno a varare la cedolare sulle locazioni commerciali.

Come scrive sul suo profilo Twitter Giorgio Spaziani Testa “Una misura – insieme – di equità (Irpef, Imu, Tasi più le spese annullano ogni redditività), per la crescita (si avvieranno nuove attività) e contro degrado e insicurezza (causati dal dilagare dello sfitto)”.

0
Written by APE Genova

Convegno Coordinamento Legali Piacenza del 15 settembre 2018

Sabato si è tenuto il 28° Convegno Coordinamento Legali a Piacenza, con interventi del Presidente avv. Nasini e dell’avv. Tiscornia.

Risponde così l’avvocato Nasini alla domanda: quale e’ stato l’argomento del suo intervento al convegno di Piacenza?

Nel  mio intervento ho trattato l’argomento relativo alla tipologia contrattuale disciplinata dall’art 1 n.3
Della legge n.431/98 (contratti stipulati dagli enti locali in qualità di conduttori per soddisfare esigenze transitorie).
Esaminate le caratteristiche e i requisiti di questa tipologia contrattuale e’ stata evidenziata la grande utilità che il suo impiego potrebbe avere sia  in caso di gravi calamita (terremoti alluvioni crolli come quello tragico recente del ponte Morandi a Genova) che nella ordinaria gestione del fabbisogno abitativo.

Written by APE Genova

Guidesi, cedolare secca sia strutturale

La cedolare secca sugli affitti abitativi “va resa strutturale”. Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Guido Guidesi, intervenendo a Piacenza al convegno del Coordinamento legali di Confedilizia.

“Uno deve sapere in base alla durata dell’affitto che quella norma non verrà cambiata”, ha detto, motivando la volontà di renderla strutturale anche con “gli effetti positivi sul gettito”. Guidesi ha confermato l’intenzione di lavorare anche sulla cedolare secca sui negozi, iniziando dai nuovi contratti “per poi passare ad una platea più numerosa”.

La cedolare secca sugli affitti abitativi è oggi strutturale al 21%, mentre l’agevolazione al 10% introdotta dal Piano Casa per gli anni 2014-2017 e riservata a zone particolari del territorio italiano è stata rinnovata dalla scorsa legge di bilancio solo per il biennio 2018-2019, nonostante si fosse già parlato di una sua possibile stabilizzazione. L’idea del governo è di nuovo quella di rendere strutturale l’aliquota agevolata. L’attuale sistema prevede che si possa beneficiare dello sconto fiscale al 10% nelle 11 aree metropolitane e nei Comuni capoluogo di provincia, nei Comuni ad alta densità abitativa e in quelli in stato di emergenza. (ANSA)

1 2 3 13