Feb 152018
 

L’Agenzia delle Entrate ci ha appena inviato una mail (sotto riportata) di segnalazione degli errori riscontrati nelle prime comunicazioni degli amministratori di condominio relative alle spese per lavori effettuati sulle parti comuni. Riteniamo di estrema importanza trasmetterla, con invito a leggerla attentamente affinché ciascun interessato possa – se del caso – provvedere con urgenza alle correzioni indicate dalla stessa Agenzia.

* * *

In seguito alle verifiche effettuate sulle prime comunicazioni pervenute sono stati individuati numerosi errori nella compilazione del campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, del record di dettaglio; in particolare sono stati riscontrati casi in cui, nel campo 9:

  • sono stati inseriti valori maggiori di 5;
  • è stato inserito un progressivo;
  • è stato inserito lo stesso valore per tutti i condomini dello stesso condominio, coincidente con il numero totale delle unità immobiliari nel condominio;
  • è stato indicato un numero maggiore di 1 anche in caso di unità non abitativa (Flag Unità immobiliare = B).

Si ricorda che il  campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, si riferisce ad ogni singola unità immobiliare e deve contenere:

  • in caso di Unità abitativa con eventuali pertinenze, il numero di pertinenze autonomamente accatastate (dotate, cioè, di identificativo catastale autonomo), incrementato di uno (ossia l’unità abitativa comunicata);
  • in caso di Unità non abitativa autonomamente accatastata, che non è pertinenza di unità abitativa, il campo 9 deve sempre essere impostato a 1.

ESEMPIO

Se, ad esempio, in un condominio sono presenti le seguenti unità immobiliari (UI):

  • UI1, unità abitativa;
  • UI2, unità non abitativa, pertinenza di UI1, autonomamente accatastata;
  • UI3, unità abitativa;
  • UI4, unità non abitativa, autonomamente accatastata.

Dove sono state sostenute le seguenti spese per un intervento di recupero del patrimonio edilizio:

  • per UI1 è stata sostenuta una spesa pari a 100 euro attribuita a CF1;
  • per UI2 è stata sostenuta una spesa pari a 20 euro attribuita a CF1;
  • per UI3 è stata sostenuta una spesa pari a 90 euro attribuita a CF2;
  • per UI4 è stata sostenuta una spesa pari a 30 euro attribuita a CF3.

Deve essere inviata una comunicazione con i seguenti record di dettaglio (di seguito, per maggiore chiarezza, sono evidenziati solo i campi principali e i record possono essere inviati con un ordinamento diverso da quello sotto riportato):

N. record Progressivo intervento Tipologia intervento Progressivo edificio Dati catastali dell’unità immobiliare Importo della spesa attribuita al soggetto Flag Unità Immobiliare Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa Codice fiscale del soggetto al quale è stata attribuita la spesa
1 1 A 0 Dati UI1 120 A 2 CF1
2 1 A 0 Dati UI3 90 A 1 CF2
3 1 A 0 Dati UI4 30 B 1 CF3

Dove:

  • nel record 1 sono state inserite le spese dell’unità abitativa UI1 e della relativa pertinenza UI2 attribuita a CF1. Sono stati inseriti i dati catastali dell’unità abitativa (ma non della pertinenza), le spese delle due unità immobiliari sono state sommate e il campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, vale 2 (unità abitativa + una pertinenza);
  • nel record 2 sono state inserite le spese dell’unità abitativa UI3. Il campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, vale 1 (unità abitativa);
  • nel record 3 sono state inserite le spese dell’unità non abitativa UI4. Il campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, vale 1 (unità non abitativa).

Vi invitiamo, pertanto, a:

  • visionare le “Risposte alle domande più frequenti” presenti nella sezione del sito dell’Agenzia delle entrate relativa alla comunicazioni per la  ristrutturazione edilizia e risparmio energetico contenenti ulteriori esempi di compilazione che saranno continuamente implementati in base alle richieste di chiarimenti o segnalazioni pervenute;
  • verificare la conformità dei software gestionali alle specifiche tecniche dell’Agenzia e, se è presente una delle anomalie segnalate, non effettuare nuovi invii fino all’aggiornamento del software gestionale;
  • correggere gli eventuali errori nei software gestionali;
  • correggere le comunicazioni già trasmesse inviando una comunicazione sostitutiva o annullare quella errata e trasmetterne una nuova ordinaria corretta”.

 Posted by at 16:50