Written by APE Genova

APE Confedilizia, lunedì incontro pubblico: il caso degli amministratori di codominio e gli affitti “Airbnb”

Temi importanti quelli che saranno trattati lunedì prossimo, 11 novembre, nei locali della delegazione Nervi di Ape Confedilizia, la più importante associazione della proprietà edilizia. L’incontro aperto alla cittadinanza si terrà dalle 15.30 alle 18.30 in via dei Vassalli 1, angolo viale Franchini, presso la chiesa di San Siro. Due i relatori che interverranno e daranno spunto per un pubblico dibattito. L’avvocato Raffaella Gualco interverrà sulle principali questioni e novità sull’amministratore di condominio: «Quella dell’amministratore di condominio è una figura professionale fondamentale e non sempre considerata nella maniera adeguata. Spesso ci si rivolge a persone che non sono preparate, immaginando di risparmiare dei soldi; e altrettanto spesso ci si ritrova con dei problemi da affrontare, se non – nelle situazioni limite – direttamente in tribunale. Nel corso dell’incontro spiegherò per quale ragione è molto conveniente se non fondamentale, rivolgersi a professionisti preparati. Mai come in questo caso vale la regola che chi più spende più guadagna » – dice l’avvocato Gualco anticipando parte del suo intervento. Ape Confedilizia, con il presidente Vincenzo Nasini, persegue da tempo un’attività formativa per amministratori di condominio, che si svolge presso la sede di via XX Settembre a Genova. Il secondo intervento dell’incontro vedrà Silvio Boccalatte intervenire sul tema dei contratti transitori che a Genova stanno diventando importanti.  Si tratta degli affitti brevi, spesso nell’ambito delle piattaforme social web come Airbnb. Ape-Confedilizia Genova persegue da tempo una campagna informativa, pur restando contraria all’istituzione di un codice obbligatorio per le locazioni turistiche. Una contrarietà ragionata che parte da alcune considerazioni: «Nello specifico il codice è inutile, in quanto si deve dotare di esso la maggior parte delle abitazioni, posto che le stesse, pur non avendo espressamente vocazione turistica, potrebbero essere utilizzate almeno una volta nel corso dell’anno per locazione turistica. Con il passare del tempo, si potrebbe arrivare al paradosso di avere tutte le abitazioni della Liguria dotate di codice». La proposta di Confedilizia è ben diversa: «Per arrivare al sistema di raccolta e monitoraggio, Confedilizia propone di perfezionare la comunicazione tramite “Alloggiati Web” al fine di fornire a tutti i soggetti interessati (Stati, regioni, Comuni) i dati di cui necessitano. A tale fine sarebbe sufficiente che il Ministero degli Interni, quando riceve la comunicazione degli ospiti, trasferisse agli enti indicati i dati in suo possesso. A questo modo, con una comunicazione unica, i vari interessi in gioco sarebbero soddisfatti senza un’eccessiva e inutile burocrazia, con costi minimi per i cittadini e per lo Stato».
Written by APE Genova

Segnalazione urgente compilazione campo Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa comunicazione amministratori condominio

L’Agenzia delle Entrate ci ha appena inviato una mail (sotto riportata) di segnalazione degli errori riscontrati nelle prime comunicazioni degli amministratori di condominio relative alle spese per lavori effettuati sulle parti comuni. Riteniamo di estrema importanza trasmetterla, con invito a leggerla attentamente affinché ciascun interessato possa – se del caso – provvedere con urgenza alle correzioni indicate dalla stessa Agenzia.

* * *

In seguito alle verifiche effettuate sulle prime comunicazioni pervenute sono stati individuati numerosi errori nella compilazione del campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, del record di dettaglio; in particolare sono stati riscontrati casi in cui, nel campo 9:

  • sono stati inseriti valori maggiori di 5;
  • è stato inserito un progressivo;
  • è stato inserito lo stesso valore per tutti i condomini dello stesso condominio, coincidente con il numero totale delle unità immobiliari nel condominio;
  • è stato indicato un numero maggiore di 1 anche in caso di unità non abitativa (Flag Unità immobiliare = B).

Si ricorda che il  campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, si riferisce ad ogni singola unità immobiliare e deve contenere:

  • in caso di Unità abitativa con eventuali pertinenze, il numero di pertinenze autonomamente accatastate (dotate, cioè, di identificativo catastale autonomo), incrementato di uno (ossia l’unità abitativa comunicata);
  • in caso di Unità non abitativa autonomamente accatastata, che non è pertinenza di unità abitativa, il campo 9 deve sempre essere impostato a 1.

ESEMPIO

Se, ad esempio, in un condominio sono presenti le seguenti unità immobiliari (UI):

  • UI1, unità abitativa;
  • UI2, unità non abitativa, pertinenza di UI1, autonomamente accatastata;
  • UI3, unità abitativa;
  • UI4, unità non abitativa, autonomamente accatastata.

Dove sono state sostenute le seguenti spese per un intervento di recupero del patrimonio edilizio:

  • per UI1 è stata sostenuta una spesa pari a 100 euro attribuita a CF1;
  • per UI2 è stata sostenuta una spesa pari a 20 euro attribuita a CF1;
  • per UI3 è stata sostenuta una spesa pari a 90 euro attribuita a CF2;
  • per UI4 è stata sostenuta una spesa pari a 30 euro attribuita a CF3.

Deve essere inviata una comunicazione con i seguenti record di dettaglio (di seguito, per maggiore chiarezza, sono evidenziati solo i campi principali e i record possono essere inviati con un ordinamento diverso da quello sotto riportato):

N. record Progressivo intervento Tipologia intervento Progressivo edificio Dati catastali dell’unità immobiliare Importo della spesa attribuita al soggetto Flag Unità Immobiliare Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa Codice fiscale del soggetto al quale è stata attribuita la spesa
1 1 A 0 Dati UI1 120 A 2 CF1
2 1 A 0 Dati UI3 90 A 1 CF2
3 1 A 0 Dati UI4 30 B 1 CF3

Dove:

  • nel record 1 sono state inserite le spese dell’unità abitativa UI1 e della relativa pertinenza UI2 attribuita a CF1. Sono stati inseriti i dati catastali dell’unità abitativa (ma non della pertinenza), le spese delle due unità immobiliari sono state sommate e il campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, vale 2 (unità abitativa + una pertinenza);
  • nel record 2 sono state inserite le spese dell’unità abitativa UI3. Il campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, vale 1 (unità abitativa);
  • nel record 3 sono state inserite le spese dell’unità non abitativa UI4. Il campo 9, “Numero unità immobiliari a cui è riferita la spesa”, vale 1 (unità non abitativa).

Vi invitiamo, pertanto, a:

  • visionare le “Risposte alle domande più frequenti” presenti nella sezione del sito dell’Agenzia delle entrate relativa alla comunicazioni per la  ristrutturazione edilizia e risparmio energetico contenenti ulteriori esempi di compilazione che saranno continuamente implementati in base alle richieste di chiarimenti o segnalazioni pervenute;
  • verificare la conformità dei software gestionali alle specifiche tecniche dell’Agenzia e, se è presente una delle anomalie segnalate, non effettuare nuovi invii fino all’aggiornamento del software gestionale;
  • correggere gli eventuali errori nei software gestionali;
  • correggere le comunicazioni già trasmesse inviando una comunicazione sostitutiva o annullare quella errata e trasmetterne una nuova ordinaria corretta”.

L'Associazione della Proprietà Edilizia di Genova riceve solo su appuntamento dalle ore 9 alle ore 17.
Per prenotazioni o richieste telefonare al 010 565 149010 565 768, oppure tramite mail a apege@apegeconfedilizia.org

Vi ringraziamo per la collaborazione.