Written by APE Genova

GenovaQuotidiana – 27/12/18 – Anche l’associazione dei datori di lavoro delle colf per gli sfollati di Ponte Morandi

Continua la raccolta fondi per le vittime della tragedia del Ponte Morandi avviata da Confedilizia a livello nazionale e coordinata da Ape, Associazione della Proprietà Edilizia di Genova. In questi giorni il presidente di Ape Confedilizia Genova, Vincenzo Nasini, ha ricevuto un corposo assegno da 5 mila euro da parte di Assindatcolf, Associazione Nazionale dei Datori di Lavoro Domestico, costituita nel 1983 per rappresentare e tutelare la categoria delle famiglie che hanno alle loro dipendenze dei collaboratori domestici. Con l’assegno è arrivata anche una lettera di accompagnamento con la quale si spiega che «Il Comitato esecutivo della Assindatcolf, ricorrendo il 35º della nascita dell’Associazione, ha deciso di devolvere un contributo in favore delle famiglie che hanno dovuto lasciare le loro case in conseguenza del crollo del Ponte Morandi.Abbiamo provveduto ad effettuare un versamento di 5.000 euro al conto da Voi comunicato, indicando come causale Confedilizia per Genova» – ha scritto Teresa Benvenuto, segretario nazionale Assindatcolf. Una notizia molto importante, che conferma il successo dell’iniziativa avviata subito dopo il disastro e che è arrivata pochi giorni prima di Natale: «Grazie alla forte e ramificata rete di associazioni locali che fanno capo a Confedilizia e anche alla solidarietà di altre associazione, come appunto Assindatcolf, proseguiamo la nostra campagna di raccolta fondi». Dalle piccole città della provincia italiana ai capoluoghi, fino alle metropoli. Sono circa 200 le sedi territoriali di Confedilizia, che stanno raccogliendo denaro a favore degli sfollati genovesi di Ponte Morandi. Una solidarietà che, come aggiunge Nasini «Conferma che l’appello lanciato a livello nazionale è stato raccolto in tutta Italia. Segno che i nostri associati hanno compreso l’importanza dell’iniziativa e che c’è un desiderio diffuso di dare una mano a Genova». L’Associazione della Proprietà Edilizia-Confedilizia di Genova, in collaborazione con la Confedilizia nazionale, si era infatti attivata, a pochi giorni dal crollo del viadotto autostradale, per fare la propria parte affinché le problematiche abitative degli sfollati possano essere, seppur in piccola parte, mitigati dalla generosità dei cittadini, con una libera donazione alla causa. «Abbiamo persone che hanno dato qualche decina d euro, altre cifre più rilevante – aggiunge Nasini – ma quel che conta non è l’importo ma il comune sentire che si è diffuso attorno alla tragedia. Noi, naturalmente, ringraziamo tutti quelli che hanno dato il loro contributo e quelli che lo daranno». Perché l’iniziativa sta proseguendo: è sempre attivo il conto corrente dedicato alla raccolta fondi volontaria la cui somma verrà devoluta direttamente e senza intermediazioni agli sfollati.

Il conto corrente presso la Banca Passadore Sede di Genova corrisponde al seguente IBAN intestato all’Associazione della Proprietà Edilizia di Genova:

IT 13 O 03332 01400 000000961407

Nella causale dovrà essere indicata la dicitura “Confedilizia per Genova”. Si precisa che il versamento dovrà essere effettuato esclusivamente sul conto corrente dedicato. Non dovranno essere effettuati accrediti presso l’Associazione.

Written by APE Genova

Richiesta di disponibilità di immobili per i soggetti colpiti dal provvedimento di sloggio dopo la tragedia del Ponte Morandi

In riferimento alla grave tragedia che ha colpito la città di Genova e conseguenti disagi che il crollo del ponte Morandi ha causato, anche dal punto di vista dell’emergenza abitativa, l’Associazione della Proprietà Edilizia-Confedilizia di Genova, in collaborazione con la Confedilizia nazionale si è prontamente attivata per collaborare con il Comune e la cittadinanza affinché le problematiche abitative degli sfollati possano essere risolte nel più breve tempo possibile. Oltre alla apertura del conto corrente dedicato “Confedilizia per Genova” (Iban Banca Passadore: IT 13 O 03332 01400 000000961407) di cui è già stata data separata comunicazione con invito ad effettuare versamenti liberi da devolvere alle vittime dirette e indirette del crollo del ponte Morandi, siamo a richiedere con la presente a tutti i nostri associati, dirigenti e consulenti di APE-Confedilizia di comunicarci la eventuale disponibilità a dare in locazione i propri immobili direttamente ai soggetti colpiti dal provvedimento di sloggio.

Gli immobili verranno locati con contratto transitorio a canone ridotto al minimo di fascia. La durata del contratto sarà da determinarsi d’intesa con il Comune e con i soggetti interessati e comunque per il tempo necessario a reperire idonea e definitiva sistemazione. Per tale attività la Confedilizia di Genova opererà in collaborazione stretta col Comune fungendo da intermediaria per raggiungere l’obiettivo prefisso.

Invitiamo pertanto gli interessati a volerci fornire l’elenco degli immobili che vorranno mettere in locazione a tali condizioni. E’ necessario specificare oltre l’ubicazione dell’immobile anche il numero di vani e categoria catastale allegando la planimetria. L’elenco degli immobili sarà da noi trasmesso al Comune perché lo stesso possa mettere in contatto direttamente le parti.

APE- Confedilizia di Genova sarà a disposizione per qualsiasi informativa, anche ed eventualmente in contraddittorio con i conduttori, e per dare assistenza agli associati che dovranno stipulare e che avranno stipulato il contratto prima e durante e dopo la stipulazione e per il compimento di tutte le operazioni connesse. La sede è a disposizione di tutti per chiarimenti e delucidazioni ai seguenti numeri di telefono:  010 565149 – 010 565768 oppure via e-mail al seguente indirizzo:apege@apegeconfedilizia.org.

Rimaniamo in attesa di vostre comunicazioni e porgiamo cordiali saluti.

Il Segretario Generale

 dott. Lorenzo Russo

 

1 2