Presidente-Confedilizia-Spaziani-Testa-accanimento-affitti-brevi-ministro-del-turismo
Written by APE Genova

Giorgio Spaziani Testa: inaccettabile accanimento contro gli affitti brevi

Leggiamo sulle agenzie di stampa che il Ministro del turismo ha informato le associazioni degli albergatori circa imminenti limitazioni a una particolare tipologia di locazioni, quelle di breve durata. La cosa appare alquanto curiosa. Da quasi un secolo la locazione è regolata in Italia dal Codice civile e da alcune successive leggi speciali: risulta piuttosto strano che il Ministero dedicato al turismo entri in questa delicata materia giuridica. Il fatto, poi, che il Ministro ne parli con i rappresentanti delle imprese alberghiere rende ancora più anomala la vicenda. Gli affitti brevi, peraltro, soddisfano anche esigenze diverse da quelle dei turisti, come lavoro, studio, assistenza a ricoverati ecc.

Ciò detto, ribadiamo – sforzandoci di entrare nel merito – alcuni punti fermi.

  1. Il Ministro non ha ancora spiegato perché voglia limitare gli affitti brevi, visto che ha pubblicamente smentito le due motivazioni indicate nel disegno di legge predisposto in materia dal suo Ministero: l’esistenza del fenomeno del cosiddetto overtourism e il fatto che gli affitti brevi avrebbero causato lo spopolamento dei centri storici.
  2. C’è già una legge – di dubbia costituzionalità – che impone di diventare imprenditore a chi destina alla locazione breve più di 4 case. Legge che comunque non tocca i property manager anche quando gestissero 100 case di 100 proprietari diversi. Davvero si vuole insistere su questa strada palesemente sbagliata?
  3. Qualora fosse approvata la bozza del Ministero, anche con le modifiche di cui il Ministro ha parlato con gli albergatori, sarebbero limitate le locazioni brevi ma proseguirebbero indisturbate altre forme di ospitalità in appartamento quali affittacamere, bed and breakfast e case vacanza. Qual è la logica?

Difficile continuare a commentare, se non si ha neppure chiaro quale sia lo scopo dell’ennesima normativa sul tema (al di là delle pressioni di chi vuole avere campo libero nell’ospitalità). Quel che è certo è che si tratterebbe di una grave limitazione del diritto di proprietà, che farebbe a pugni con la nostra Costituzione, e di una misura concettualmente sbagliata, non essendo con i divieti che si governano i fenomeni, bensì con gli incentivi. Oltretutto, determinerebbe inevitabilmente un aumento dei prezzi di alberghi e simili (già esplosi dopo la pandemia) e un dirottamento dei turisti su Paesi diversi dall’Italia, con nocumento per la nostra economia. Vogliamo tutto questo?

Giorgio Spaziani Testa
Presidente Confedilizia

il secolo sul convegno Affitti brevi di Ape Confedilizia Chiavari
Written by APE Genova

Il Secolo XIX 27/06/2023: Affitti brevi, nessuna gara con gli hotel

Il Secolo XIX dedica un articolo al Convegno dedicato agli “AFFITTI BREVI ED ALTRE FIGURE LOCATIZIE NEL TIGULLIO” che si è tenuto lunedì.

Viene sottolineato quanto l’associazione sia unanime e compatta contro nuove penalizzazione delle locazioni brevi da parte del Governo.
No a nuove strette, non c’è nessuna gara con gli hotel.

 

il secolo sul convegno Affitti brevi di Ape Confedilizia Chiavari

affitti brevi turismo APE Confedilizia Genova proposta Manovra
Written by APE Genova

La bozza della proposta di legge in materia di affitti brevi con finalità turistiche

Il 30 maggio l’Ufficio legislativo del Ministero del Turismo ha inviato alle Associazioni di categoria interessate la bozza della proposta di legge in materia di locazioni brevi con finalità turistiche che, nelle dichiarate intenzioni del Ministro Santanchè, vuole fornire “una disciplina uniforme a livello nazionale volta a fronteggiare il rischio di un turismo sovradimensionato rispetto alle potenzialità ricettive locali, a salvaguardare la residenzialità dei centri storici ed impedirne lo spopolamento.”

affitti brevi finalità turismo APE Confedilizia Genova riforma fiscaleDi maggior interesse i contenuti degli articoli 3 e 4 della proposta di legge che prevedono un unico Codice Identificativo Nazionale (CIN) in sostituzione dei vari Codici Identificativi Regionali (CIR) e l’introduzione della durata minima di due notti, a pena di nullità del contratto di locazione breve per finalità turistica. Durata minima obbligatoria prevista – ad eccezione dell’ipotesi in cui la parte conduttrice sia costituita da un nucleo familiare composto da almeno un genitore e tre figli – per gli immobili siti nei centri storici delle città metropolitane e rimessa alla scelta dei Comuni in una serie di altri centri.

Le 13 associazioni di categoria (Confedilizia, Fiaip, Prolocatur, Confassociazioni RE, PMI, Rescasa Lombardia, Host + Host, Host Italia, Bre-VE, Myguestfriend, OspitaMI, Abbav e F.A.R.E) coinvolte dal Ministro Santanchè nell’incontro del 23 marzo scorso, dove sono state presentate congiuntamente 5 proposte condivise, accolgono con favore la previsione di un unico codice identificativo nazionale in sostituzione dei vari codici identificativi regionali, pur rilevando che sarebbe necessario eliminare anche altre comunicazioni in essere. Esprimono, invece, forte contrarietà nei confronti dell’introduzione del divieto per il proprietario dell’immobile o per il suo gestore professionale di darlo in locazione per una sola notte, considerandola, a tutti gli effetti, una norma discriminatoria, liberticida e con profili di dubbia costituzionalità, che alimenterà forme di evasione fiscale e di illegalità varie. Il tutto, peraltro, con un arcobaleno di discipline in funzione del Comune di ubicazione dell’immobile, che produrrà un caos indescrivibile.

Si tratta di una proposta di legge che contiene alcuni elementi apprezzabili in accoglimento di una parte delle nostre istanze, su tutti la volontà di uniformare gli adempimenti prevedendo un unico codice identificativo Nazionale commentano all’unisono i rappresentanti delle 13 associazioni di categoria ma che, nello stesso tempo, presenta, sia tecnicamente che nel merito, diversi aspetti su cui riteniamo indispensabile intervenire prioritariamente eliminando la previsione di insensati limiti temporali alla libertà di affittare liberamente il proprio immobile acquistato spesso e volentieri con i risparmi accumulati in anni e anni di sacrifici”.

Nei prossimi giorni presenteremo un documento dettagliando le nostre osservazioni – concludono i rappresentanti delle associazioniconfermando la massima disponibilità, oltre che l’opportunità, a presentarle al prossimo incontro che il Ministro Santanché si è detta intenzionata ad organizzare con l’auspicata convinzione che possano essere integralmente recepite”.

_dal sito di Confedilizia Nazionale

Giorgio Spaziani Testa Vincenzo Nasini a Genova APE Confedilizia Convegno Affitti brevi maggio
Written by APE Genova

Convegno Confedilizia sullo scottante tema degli “Affitti Brevi” Martedì 16 maggio

Domani saranno presenti al Convegno Confedilizia sullo scottante tema degli “Affitti Brevi” il presidente nazionale Spaziani Testa, il vicesindaco Piciocchi, l’assessore regionale Sartori e il presidente Ape Nasini. I temi sul tappeto.

Convegno 16 maggio Affitti brevi ed altre figure locatizieSi terrà martedì 16 maggio, alle ore 14 nella sede Bper Banca in via Cassa di Risparmio 15 a Genova, Salone di rappresentanza, l’importante convegno sul tema attualissimo degli “Affitti brevi e altre figure locatizie”.

Come si può vedere dal programma che potete vedere e scaricare QUI, interverranno tra gli altri il presidente nazionale di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa, l’assessore al Turismo Regione Liguria Augusto Sartori, il vicesindaco di Genova Pietro Piciocchi, il direttore territoriale Bper Luigi Zanti e per Ape Confedilizia il presidente Vincenzo Nasini, Cinzia Ameri, Venanzio Mantero, Maurizio Pucci.

Il convegno avrà anche un momento finale con tavola rotonda e considerazioni finali e intervento del pubblico.

Da ribadire la posizione di Confedilizia su un argomento molto attuale, per il quale si è di volta in volta parlato di caro affitti e di mancanza di offerta per affitti lunghi a causa di un presunto aumento eccessivo di attività di affitto breve. Secondo Spaziani Testa, che sul tema ha scritto al Governo:

«Non vi è bisogno di ulteriore regolamentazione (men che meno di tipo restrittivo della libertà e del diritto di proprietà, come nel caso di eventuali limiti al numero di notti o di unità immobiliari locate), bensì di una semplificazione di quella esistente: copiosa, ricorrente e persino contraddittoria, vista la coesistenza di normative nazionali, regionali e persino comunali».

Confedilizia mette in dubbio anche la – diffusa, ma non per questo fondata – affermazione secondo la quale gli affitti brevi sarebbero la causa dello spopolamento dei centri storici.

«Ciò detto, vi è qualcosa che il Governo potrebbe fare qualora desiderasse favorire una riduzione del numero di appartamenti destinati alla locazione breve a vantaggio dell’affitto di lunga durata: incentivare l’attività “gradita” anziché vietare o limitare quella ritenuta troppo estesa. Le strade possono essere diverse, ma noi ne suggeriamo una: introdurre un regime di tassazione zero (né imposte sui redditi né Imu) per tutta la durata delle locazioni di lungo periodo, se del caso limitatamente ai contratti cosiddetti “concordati”, quelli a canone calmierato».

Su un altro tema legato agli affitti brevi, vale a dire l’assoggettamento a regime impositivo, proposto in sede UE, simile a quello degli alberghi anche per chi affitta per brevi periodi:

«Desta la contrarietà delle organizzazioni della proprietà nei riguardi del regime dei cosiddetti “presunti fornitori”, in particolare per quanto riguarda la locazione a breve termine di alloggi svolta tramite piattaforme online. Il regime indicato nella proposta di direttiva sembra essere rivolto principalmente ad alcune grandi piattaforme, che fanno capo a gruppi multinazionali, ma in realtà avrà un impatto devastante sui singoli proprietari di immobili che svolgono l’attività di locazione di alloggi. In base al regime indicato nella proposta, qualsiasi alloggio prenotato tramite piattaforme online, fornito da una persona non soggetta a Iva, sarà assoggettato all’imposta. Risulta altresì insensato equiparare a un servizio di ricezione alberghiera colui che, senza essere organizzato in forma di impresa, lochi occasionalmente per brevi periodi. Il più delle volte, peraltro, tali soggetti attraggono il turismo in borghi sperduti, località remote o lontane da qualsiasi percorso turistico ordinario, in luoghi sprovvisti dei servizi di accoglienza ordinari, rivitalizzandoli socialmente ed economicamente».

Il Convegno Confedilizia sul tema degli “Affitti Brevi” sarà accreditato presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati e quello dei Tributaristi.
Per ricevere ulteriori info inviare una email a apege@apegeconfedilizia.org o chiamare allo 010 56 51 49 | 010 56 57 68.

Convegno 16 maggio Affitti brevi ed altre figure locatizie
Written by APE Genova

Convegno 16 maggio: Affitti brevi ed altre figure locatizie

Il 16 maggio 2023 si terrà il convegno “Affitti brevi ed altre figure locatizie”, organizzato da APE Confediliza Genova e Provincia in collaborazione con FIAIP (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali). L’appuntamento è a Genova, alle ore 14 nel Salone di Rappresentanza BPER Banca, in via Cassa di Risparmio 15 (15° piano).

L’evento sarà accreditato presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati e quello dei Tributaristi.

Convegno 16 maggio Affitti brevi ed altre figure locatiziePer ricevere ulteriori info inviare una email a apege@apegeconfedilizia.org o chiamare allo 010 56 51 49 | 010 56 57 68.

IL PROGRAMMA

  • 14,00 Registrazione dei partecipanti
  • 14,15 Saluti istituzionali
    Dott. Augusto Sartori – Assessore Turismo Regione Liguria

    Avv. Pietro Piciocchi – Vice Sindaco Comune di Genova

    Avv. Giorgio Spaziani Testa – Presidente Confedilizia Nazionale

    Dott. Luigi Zanti – Direttore Territoriale Liguria BPER
  • 15,00 Il Property Manager e la filiera dell’immobiliare
    Avv. Cinzia Ameri – Direttivo Ape Confedilizia Genova
  • 15,30 Aspetti giuridici delle locazioni turistiche e delle locazioni brevi
    Avv. Vincenzo Nasini – Vice Presidente Nazionale di Confedilizia
    e Presidente di Confedilizia Genova
  • 16,00 Aspetti fiscali degli Affitti Brevi
    Dott. Venanzio Mantero – Tributarista, Vice Presidente Confedilizia Genova

    Dott. Maurizio Pucci – Tributarista, Consulente Fiscale di Ape Confedilizia Genova
  • 16,20 Il ruolo dell’Agente Immobiliare
    Sig.ra Rita Ogno – Presidente Provinciale FIAIP Genova

    Rag. Fabrizio Segalerba – Segretario Nazionale FIAIP
  • 16,40 Come gli Affitti Brevi accelerano la riqualifica immobiliare e urbana
    Dott. Massimo Magni – Amministratore Delegato Affitti Brevi Italia srl
  • 17,00 Affitti Brevi nel Ponente Ligure
    Avv. Paolo Prato – Presidente Confedilizia Ligure
  • 17,30 Tavola Rotonda considerazioni finali e intervento del pubblico

Modera: Sara Tagliente – Giornalista e Conduttrice Televisiva

1 2

L’Associazione riceve solo su appuntamento lunedì a mercoledì dalle ore 9 alle ore 17, giovedì e venerdì dalle ore 9 alle ore 13, per richieste e prenotazioni potete scrivere una mail a apege@apegeconfedilizia.org o chiamare allo 010 56 51 49 010 56 57 68


Sono APERTE LE ISCRIZIONI per il Corso per Amministratori di formazione periodica