Written by Ilenia

Obbligatorio il codice identificativo regionale

Entro il 1°agosto tutti coloro che affittano gli appartamenti con contratti di breve termine, a cominicare dagli affitti Airbnb, dovranno dotarsi del codice identificativo turistico regionale. Così ha deciso un paio di mesi fa la Regione Liguria, nonostante le proteste dei proprietari. Il ffatto che nel frattempo il governo abbia approvato un paio di settimane fa un codice identificativo nazionale, non ha cambiato le carte in tavola: il Codice identificativo turistico regionale per gli appartamenti (Citra) sarà obbligatorio. Entro questa data i codici dovranno essere pubblicati in occasione delle iniziative di pubblicità, promozione e commercializzazione dell’offerta, comprese le pagine delle piataforme social gestite dai titolari delle strutture ricettive. Vincenzo Nasini, presidente di Ape-Confedilizia Genova e vice presidente Confedilizia nazionale, conferma la contrarietà dei proprietari: “La Confedilizia locale e nazionale è sempre stata contraria all’istituzione di un codice obbligatorio”.

 

Il Secolo XIX, 18/07/2019

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Dal 15 aprile 2020 e fino a nuove disposizioni l'Associazione della Proprietà Edilizia di Genova ha ripreso a svolgere (con uffici chiusi al pubblico) alcune attività.

Tutti i giorni da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle 13 per richieste di pareri scritti o verbali:
- per richieste di attestazioni ai seguenti numeri 3465274585 / 3466239198
- per informative sull'attività della Confedilizia centrale e Confedilizia di Genova al seguente numero 3346861568 (Presidente Avv. Nasini) o via mail (apege@apegeconfedilizia.org)